ASCOSERVICE AG

Gewerbestrasse 5, 6330 Cham, Svizzera
Phone: +41(0)44.553.25.50 Tel: International Mobile Phone +372.57.13.00.55

ZUGo SErvizi OFFSHORE HOLDING banca
MEDICINA investimenti TRUST permessi tassazione
immobili lavoro società Liechtenstein INGHILTERRA
MAPPA DEL SITO COORDINATE FILIALI amministrazione Contabilità


View

Permessi


Permessi di lavoro, di soggiorno e passaporto

10.1. Principi base

Nessun cittadino straniero può svolgere una qualsiasi attività remunerativa in Svizzera senza un adeguato permesso di lavoro e di soggiorno a prescindere dal fatto di ricevere un compenso da un datore di lavoro. Allo scopo di regolare il numero di cittadini stranieri che entrano in Svizzera, le autorità svizzere utilizzano un sistema di quote che limita il numero di permessi di residenza per chi entra nel paese per la prima volta. In applicazione di tale principio il Governo Federale garantisce un certo numero di permessi di lavoro che devono essere ripartiti fra i datori di lavoro da parte dei governi cantonali. In aggiunta alla quota cantonale vi è anche una quota federale che è riservata soprattutto ai nuovi dirigenti ed agli specialisti che lavorano per affiliate svizzere o per società multinazionali. In base ai trattati bilaterali fra la Svizzera ed i paesi della Comunità Europea entrati in vigore il 1° Giugno 2002 ed ulteriormente modificati ed estesi il 1 giugno 2004, la Svizzera garantisce libertà di movimento ai cittadini della UE. Tuttavia l’accesso al mercato del lavoro resterà regolato durante i primi cinque anni. In conseguenza di ciò ogni cittadino di un paese della UE che ha un lavoro in Svizzera ha il diritto di muoversi all’interno del paese e di ottenere un permesso di residenza senza dover soddisfare ad altri requisiti. Anche i membri della famiglia (a prescindere dalla loro nazionalità) dei cittadini UE sono autorizzati a muoversi ed a lavorare all’interno della Svizzera. Dal 2004 non si applica più il diritto di priorità all’assunzione dei lavoratori svizzeri rispetto ai cittadini UE e così pure non si applica più il controllo governativo sul salario e sulle condizioni di impiego. Il numero di permessi di residenza per l’esercizio di un lavoro remunerativo sarà tuttavia sottoposto a quote per gli anni a venire. Se l’immigrazione di cittadini UE è sostanzialmente aumentata, essa può essere limitata durante un periodo che inizierà sei anni dopo l’entrata in vigore dei trattati bilaterali e terminerà dodici anni dopo tale data. In base alle nuove regole (simili alla vecchia regolamentazione) i pensionati, gli studenti e tutti coloro che non hanno un lavoro dovranno dimostrare di avere sufficienti mezzi di sostentamento ed una copertura sanitaria assicurativa per ottenere un permesso di residenza.

La nostra azienda è senz'altro in grado di fornirvi tutti i supporti amministrativi, burocratici e legali onde richiedere ed ottenere un permesso di lavoro e di soggiorno per lavorare, vivere e/o studiare in Svizzera.

 


 

 

ascoservice ag SCUOLE • assicurazione AUTOMOBILIRECUPERO CREDITI SOCIETÀ PRONTE